Qualità delle cure e portafoglio salvo con Cooperazione Salute

Alzi la mano chi piace andare dal dentista. Ecco, per qualche anno, convinto di non aver nessun problema, ho evitato di andarci. Così, qualche mese fa, quando il dolore ad un dente ha cominciato ad essere davvero fastidioso, ho scoperto che avevo qualche carie in più del previsto. Insomma, c’erano da fare un bel po’ di otturazioni, una sigillatura e in forma preventiva l’ablazione del tartaro. Morale: un preventivo da 1.200 euro. Più che mal di denti, mal di portafoglio!

Ho scelto Namasté Salute per due motivi: ero già stato al Poliambulatorio di Gorlago e mi ero trovato bene e mi era stato suggerito il nome di uno degli odontoiatri che lavorano lì. Dopo il preventivo, però, ammetto che c’è un terzo motivo che mi ha convinto a tornarci. Ed è la convenzione con Cooperazione Salute.

Essendo dipendente a tempo indeterminato di una cooperativa sociale, la copertura di Cooperazione Salute garantisce un listino prezzi agevolato. Dai 1200€ di preventivo, la fattura è calata a 997€, come si vede dalla foto qui sotto. Uno sconto di poco meno del 20%. è già qualcosa.

Registrandomi sul sito www.cooperazionesalute.it, posso chiedere un ulteriore rimborso sulle spese sanitarie. Allego la fattura che specifica le cure dentali fatte a Namasté Salute (che è centro medico convenzionato) e, dopo qualche settimana, mi arriva la risposta e l’accredito del rimborso sul conto corrente. Ben 600 euro! Quindi, a conti fatti, per tutte le mie cure odontoiatriche ho speso 397€. Un terzo del preventivo. Che dire… mi è tornato il sorriso (in tutti i sensi).

Raffaele

 

Non tutte le cure mediche e odontoiatriche sono rimborsabili e non tutte hanno un listino prezzi agevolato. Per scoprire quali sono basta collegarsi al sito di Cooperazione Salute e guardare nel dettaglio i piani sanitari nazionali. Nel caso specifico di Raffaele (dipendente di cooperative sociali): http://www.cooperazionesalute.it/I-piani-sanitari/Piani-Nazionali.

Piani nazionali sanitari sono disponibili anche per i lavoratori del commercio, della distribuzione cooperativa, della logistica/trasporti/spedizioni e del settore metalmeccanico cooperativo.

Presto una nuova storia dai nostri pazienti.

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *